CoinExchange: novità o truffa?

Sempre più spesso si legge di siti di exchange di criptovalute che possono proporre un trading interessante ed innovativo, ma bisogna sapere qualcosa di più per affrontare con serenità le novità del mercato finanziario. Oggi,  si vuole parlare particolarmente di CoinExchange, uno dei nomi sempre più ricorrenti in internet.

Perché si cercano gli exchange di criptovalute? E perché CoinExchange è evidenziato in modo così “prepotente”? Le criptovalute in generale, sono entrate sul mercato e piano piano si sono fatte largo sia tra i trader e gli investitori, sia tra le persone che utilizzano la criptomoneta come mezzo di pagamento quotidiano.

Il mondo delle criptovalute è indubbiamente interessante e per questo si vuole affrontare il CoinExchange.io per vedere se hanno livelli affidabili di verifica: il sito web fornisce servizi di negoziazione per diverse criptovalute, non accetta pagamenti Fiat da bonifici bancari, carte di credito ed altri metodi di pagamento.

Il CoinExchange si concentra sulla criptovaluta e questo è ottimo per coloro che vogliono cambiare i loro BTC in altre criptomonete e viceversa, ma se si necessita un Exchange per convertire dollari o euro in criptovaluta questo non è il sito giusto.

Ora, invece, si affronta la borsa CoinExchange: dov’è il loro quartier generale? Sul sito questo non è disponibile, anche collegandosi agli “Aiuti” che offre e non si vedono informazioni di base utili sull’azienda, non esiste un indirizzo fisico e non è stato pubblicato alcun Paese che indichi il posto in cui la società ha base.

Questo, senz’altro può rappresentare una “bandiera rossa” poiché non si conosce dove verranno effettuate le transazioni: si dichiara soltanto che la missione di CoinExchange è “diventare un pilastro nel mercato delle criptovalute online”, ma non si condivide alcunché sul loro background aziendale. Il sito web potrebbe anche non essere regolamentato e monitorato da alcuna entità legale che protegga i consumatori, oppure potrebbero essere possibili truffatori e sul mercato finanziario la “diffidenza è d’obbligo” ed opportuna.

Ora sivuole affrontare “la verifica del conto presso CoinExchange”: i livelli di verifica sono stati studiati per limitarli ed inquadrarli su determinate caratteristiche che includono l’uso completo della piattaforma di negoziazione. A volte si potrebbe non essere in grado di depositare e prelevare senza attraversare uno specifico processo di verifica.

Può essere fastidioso se si vuole davvero operare con questo sito, ma oggi esiste un numero enorme di siti web che applicano questo sistema e bisogna prendere in considerazione le necessità locali di regolamentazione.

Proprio come la maggior parte dei siti exchange di criptovalute, CoinExchange offre anche l’autenticazione a due fattori. Ma, nonostante il 2FA offrono ancora una piattaforma di trading completamente anonima, il che potrebbe essere ottimo poiché anche con l’anonimato i conti sono garantiti.

Rispetto agli altri siti web regolamentati in cui è possibile segnalare eventuali problemi alle Autorità, i siti web non regolamentati sono l’opposto: avere un supporto come 2FA è da considerare sempre “benvenuto” e si consiglia di approfittarne. Però, attenzione che se qualcosa va storto non si sa a chi… chiedere aiuto.