Robot truffa Bitcoin Code

Dispiace veramente tanto quando si devono avvertire i traders che, ancora una volta, “gira” un robot di trading che non è sicuro e di non rischiare assolutamente quattrini su questo sistema: si parla del robot truffa Bitcoin Code con il quale non si deve rischiare neppure un euro! Purtroppo, il richiamo all’attenzione dei traders non è bastato e molti italiani sono rimasti intrappolati dal robot truffa Bitcoin Code, e dal suo broker collegato, che sta inserendo ogni giorno recensioni positive per ingannare coloro ancora ignari di questa truffa.

La presentazione del robot truffa Bitcoin Code evidenzia, innanzitutto, che le criptovalute sono il futuro e quanti sono già diventati ricchi con questo sistema, incuriosendo senz’altro con questo discorso: ma, attenzione, questo robot non ha nulla a che vedere con le criptovalute “serie” che ben si conoscono. Si vuole solo raggirare gli ignari trader per convogliarli a fare un deposito sul sito di un broker non regolamentato e già segnalato da tantissimi come truffa vera e propria.

I testimonial, poi, presentati nel video raccontano di aver guadagnato con il robot truffa Bitcoin Code più di 400 mila euro: c’è qualcosa di poco chiaro in questa presentazione ed oltretutto Bitcoin Code non è neppure crittografato https e, quindi, risulta esposto a possibili attacchi hackers e furti di identità.

Nella presentazione si vede la figura di un uomo d’affari che lavora con un PC portatile: la sua immagine, così come quella dell’ideatore italiano Stefano Savarese e come pure quella di “Chris Hadid” sono state prese da internet. Quest’ultimo, antologo francese di nome vero Jean Edouard Gresy, pare abbia già dato mandato al suo legale di depositare una denuncia per l’utilizzo senza consenso della sua immagine.

Poi, nel video, si vedono false testimonianze di attori che vendono le loro prestazioni su Fiverr, noto sito web di collaborazione e servizi di marketing: inaudite menzogne su come hanno investito 250 dollari ed hanno guadagnato centinaia di migliaia di euro in pochi giorni. Ed, infine, si passa al formulario per l’iscrizione.

Ma al termine della procedura non si fa riferimento ad una piattaforma di scambio di Bitcoin, bensì ad un certo broker offshore senza regolamentazione ed, oltretutto, senza possibilità di scelta: broker già segnalato dalla Consob per attività di marketing in Italia senza alcun permesso! E si aggiunge pure che nelle ultime 24 ore sono stati accreditati nei conti bancari di nuovi beta tester più di $ 13.837 ed ora “è proprio il vostro turno per iscriversi al Bitcoin Code”…

Ed a chiusura, si dice che tantissimi sono diventati ricchi depositando solo 250 euro! Questo ormai si dovrebbe sapere che è assolutamente impossibile al 100%. I robot di trading non possono far diventare ricchi, sopratutto il robot truffa Bitcoin Code: sempre meglio seguire una propria strategia od affiancare il proprio trading ad un robot di trading Forex. Sarebbe utile guardare il trading automatico di Avatrade dove si potrà scegliere tra centinaia di trader esperti, da cui copiare le strategie di trading e… non rischiare nulla.